Un 2019 fatto di pochi alti e molti bassi quello di Giacomo Nizzolo, che riesce a centrare presto la vittoria in questo 2020, conquistando la quinta tappa del Tour Down Under. Il corridore della NTT, non vinceva dalla Vuelta Burgos dello scorso anno, dietro di lui Simone Consonni(Cofidis), il quale non fa rimpiangere il capitano Elia Viviani ancora acciccato. Una tappa molto insidiosa la quinta di questo Tour Down Under, con la salita di Kerbi Hill a venti kilometri dall’arrivo, che poteva essere molto insidiosa soprattutto per le ruote veloci del gruppo, e agevolare gli uomini da classica.

La Quinta frazione è animata da controllo, nessun attacco viene fatto evadere dal gruppo, guidato dalla Michelton-Scott, che tiene il gruppo compatto per permettere a Daryl Impey di disputare i tragardi volanti e prendere gli abbuoni per la classifica generale. Al primo traguardo volante di giornata, Impey si impone davanti al campione del mondo pedersen, mandato a fare gli sprint dal capitano Richie Porte, per impedire a Daryl Impey di guadagnare gli abbuoni, tentativo fallito quello della Trek-Segaffredo, che al secondo traguardo volante di giornata vede vincere il sudafricano della Michelton e quindi vedersi sfilare la maglia di Leader. Completato l’obbiettivo, senza ormai bisogno di tenere il gruppo per forza compatto la Michelton-Scott lascia andare quattro uomini in fuga si tratta: Ide Schelling(Bora Hansgroe), Ian Stannard(Team Ineos), Mads Pedersen(Trek-Segaffredo) e Josef Cerny(CCC). I quattro non riescono a prendere un grande margine, e ai piedi della salita di Kerbi Hill vengono ripresi. Sulla salita si scatena la lotta tra gli uomini di classifica, a muoversi per primo e la Michelton con Hamilton, che si mette a fare l’andatura, ma a tirare l’attacco deciso che frantuma il gruppo è la maglia di Leader della classifica Generale Richie Porte.

Porte attacca, i big rispondono tutti presenti, tranne Geschke(CCC) e Powell(Sunweb). In cima alla salita,la situazione vede 11 uomini a comando con dietro un gruppo di una cinquantina di unità ad inseguire. Davanti gli undici uomini fanno fatica a trovare un accordo, mentre dietro il gruppo rinviene in maniera decisa, spinto dalla Lotto Soudal di Caleb Ewan, e grazie al grande lavoro di Thomas De Gent ai meno sei kilometri dall’arrivo gli undici vengono ripresi dal gruppo, ritornando in una situazione compatta. La volata è pronta per essere lanciata, ma qualcosa nella quasi perfetta tattica della Lotto Soudal va storto, Roger Kluge non ha Ewan alla sua ruota e questo attimo di indecisione, fa si che Giacomo Nizzolo anticipi tutti e vada a cogliere il successo.

Nizzolo, dopo qualche annata un opaca, sembra essere già pronto ad affrontare questo 2020, a completare il bis italiano Simone Consonni della Codis, bene anche Fabio felline(Astana) nono, mentre niente volata per Elia Viviani che ancora acciaccato rimane attardato sulla salita di Kerbi Hill. Cambia la maglia di Leader che da Richie Porte passa Daryl Impey.

ORDINE D’ARRIVO:

Giacomo Nizzolo(NTT Pro Cycling) 3h:32′:45”
Simone Consonni (Cofidis)
Sam Bennet (Deceunink-Quick Step)
Mickael Morkov (Deceunink-Quick Step)
Jasper Philipsen (UAE Team Emirates)
Andrè Graipel (Israel Sturt-Up Nation)
Kristoffer Halvosen (EF Pro Cycling)
Caleb Ewan (Lotto Soudal)
Fabio Felline (Astana)
Daryl Impey (Michelton-Scott)

 

CLASSIFICA GENERALE:

Daryl Impery (Michelton-Scott) 17h:12′:15”
Richie Porte (Trek-Segaffredo) +0:02”
Rob Power (Team Sunweb) +0:09”
Simon Yates (Michelton-Scott) +0:13”
George Bennet (Team Jumbo Visma) +0:16
Diego Ulissi (UAE Team Emirates) +0:17
Simon Geschke(CCC) +0:17
Rohan Dennis (Team Ineos) +0:17
Dylan Van Baarle (Team Ineos) +0:17
Lucas Hamilton (Michelton-Scott) +0:23

 

DI GIACOMO BIAGINI

ph: Official Facebook Tour Down Under @TourDownUnder2020

Copyright © 2019 by Sport Fiorentina edito da Urban Studios. - Privacy Policy.
Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il Numero Registro Stampa 6102 del 29/05/2019.
P.IVA: 02417440977 // Direttore Responsabile Paolo Giuliani // Editore: Federica Falciani